Il benvenuto al Principe Alberto di Monaco con il pranzo firmato da Le Due Spade

Cucinare per un principe è sempre un grande orgoglio ed emozione, proprio come è successo per lo chef Massimo Berzolla e la moglie Daniela, insieme allo staff del ristorante Le Due Spade, in occasione della vista ufficiale in Valceno del Principe Alberto di Monaco, avvenuta a maggio 2018.

A Le Due Spade è stato infatti assegnato l’incarico di curare l’allestimento della sala e il menù del pranzo di benvenuto, organizzato per il Principe all’interno del castello di Bardi, durante il suo soggiorno nei luoghi dove ha avuto origine la famiglia dei Grimaldi. I territori di Bardi e Compiano facevano infatti parte dello Stato Landi, da cui veniva Maria Landi che sposò Ercole Grimaldi, e divenne così madre di Onorato, primo principe di Monaco.

Anche il Principato di Monaco ha voluto festeggiare il ritorno del Principe nei luoghi di origine della famiglia nobiliare, attraverso l’emissione di un francobollo sul quale è stato riportato l’immagine proprio della fortezza bardigiana.

A Bardi il Principe Alberto di Monaco ha visitato il centro storico e il castello, dove si è svolta la presentazione del libro dedicato al legame fra i due casati dei Grimaldi e dei Landi. Sempre nelle sale del maniero si è tenuto il ricevimento ufficiale con la cura del catering da parte de Le Due Spade, che per celebrare l’atteso evento, ha realizzato una mise en place con i colori della bandiera monegasca e ha ideato un menù dedicato ai grandi classici della cucina bardigiana e parmense, per far vivere al Principe una completa esperienza nei sapori e profumi del territorio. Il pasto è stato infatti composto da una degustazione di salumi misti locali, accompagnata dalle torte di verza ed erbe, per proseguire con i Crocetti con stracotto di manzo, passando per l’insalatina con quaglie disossate avvolte in Prosciutto di Parma e concludere con i biscotti Panetti serviti insieme alla crema al mascarpone.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.